Martedì 11 febbraio alle ore 18,30 presso il Centro Culturale Veritas è stato presentato il libro “Un monaco in ostaggio” di Jacques Mourad, per i tipi della Effatà editrice.

Hanno dialogato con l’autore: Loredana Catalfamo, della 
Comunità di Sant’Egidio e p. Renato Caprioli CMF, 
missionario clarettiano.

Qui l’audio della serata:

“Si allontani la tempesta della guerra e si aprano i cieli alla pace”

Queste le parole di S.E. Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna e cardinale con il titolo di Sant’Egidio nel suo discorso dell’11 gennaio 2020.

Proprio sotto l’egida della pace al Centro Veritas si è parlato del libro-testimonianza di padre Mourad, che  il 21 maggio 2015 fu rapito nel suo convento di Mar Elian da due jihadisti dell’organizzazione denominata Stato Islamico.

Durante la sua prigionia fu ripetutamente torturato e sfiora più volte la morte, ma proprio in quella drammatica situazione fece un’esperienza ancor più radicale: quella della grazia di Dio e della forza della preghiera, attraverso le quali arriverà a gustare una pace e un coraggio fino ad allora sconosciuti. Dopo cinque mesi, aiutato da amici musulmani, riuscì miracolosamente a fuggire.

Nel corso di questo racconto sconvolgente, padre Mourad ripercorre la sua infanzia, la sua vocazione e la storia della sua comunità impegnata nell’amicizia con i musulmani e a servizio della pace.

Infine, invita anche ciascuno di noi a compiere un’irrevocabile scelta di non violenza, di incontro, di perdono, di amore incondizionato e di preghiera, senza la quale il mondo rischia di sprofondare sempre di più nella violenza.