Udine – Per dare ai giovani la possibilità di immaginare con pazienza e tenacia un futuro migliore, il progetto Turoldo vivo, parole e musica per un domani, va in scena il 20 e il 21 novembre, nella suggestiva cornice del Teatro Nuovo Giovanni da Udine.

Ideato in occasione dei cento anni dalla nascita di padre David Maria Turoldo (1916-1992), nel 2016, e dei venticinque dalla morte, nel 2017, il progetto pluriennale Turoldo vivo, parole e musica per un domani non vuole essere una semplice ricorrenza ma intende smuovere le coscienze attraverso parole, immagini e musica.

Il programma ha inizio lunedì 20, alle ore 17, presso la Sala stampa del teatro, con il convegno “Turoldo vivo. Leadership della testimonianza tra visionarietà e amore”: si tratta di un workshop musicale organizzato da Eupragma, rivolto a imprenditori e manager.

La modalità di coinvolgimento del pubblico sarà basata sull’interazione, assegnando alla musica un ruolo da protagonista.

Durante il workshop si alterneranno pensieri e considerazioni di Padre David, con la colonna sonora composta ed eseguita da Nicola Tirelli (tastiere) e Federica Tirelli (viola), con la riflessione di Alberto Felice De Toni (Magnifico Rettore dell’Ateneo udinese), insime a Luciano Larivera S.I. (giornalista, direttore del Centro Culturale Veritas), coordinati da Fabio Turchini.

La giornata principale sarà martedì 21, a partire dalle ore 10, con l’emozionante spettacolo interattivo “Turoldo vivo per i giovani” che coinvolgerà i ragazzi delle scuole secondarie e dell’università. Si proseguirà poi alle 12.30, sempre nella Sala Stampa del Teatro, con la presentazione del libro E nel silenzio il canto. “Turoldo vivo”: parole e musica per un domani, in cui don Nicola Borgo e don Pierluigi Di Piazza dialogheranno con l’autore Fabio Turchini.

Nella stessa serata, alle 20.45, con la direzione artistica di Giuseppe Tirelli e la regia di Giuliano Bonanni, andrà in scena al Teatro Nuovo, Liturgia della riflessione: “Turoldo vivo”: parole e musica per un domani, un suggestivo spettacolo-concerto, ricco di letture, interpretazioni attoriali e voci soliste, che vedrà protagonisti il coro “Le Colone” di Castions di Strada con la collaborazione del Coro del Friuli Venezia Giulia di Cristiano Dell’Oste, di un quartetto d’archi accompagnato da percussioni e pianoforte, con musiche originali, scritte appositamente dai compositori Valter Sivilotti e Renato Miani.

Poesia, musica e videoproiezioni interagiranno tra di loro per creare una consapevole discontinuità e stupire lo spettatore. Gli interventi musicali si differenzieranno sin dalla composizione, scivolando dal classico al contemporaneo; le voci soliste, con le cantanti Luisa Cottifogli, Emanuela Mattiussi e Nadia Petrova, comunicheranno attraverso note liriche ricche di sperimentazione vocale, amplificate dal coro in continuo adattamento di genere.

Il Progetto ha ottenuto per la seconda volta il riconoscimento da parte del MiBACT, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.